Favole di un Mad World

Mad World by Gonçalo Pereira

Un vecchio saggio, formato elettricista, ti ricorda che: “Non esistono le favole”.

Fratelli lontani ti portano a perderti tra le note di Gary Jules con la sua struggente Mad World.

Qualcuno ti cita il rancoroso Mauro Corona, e tu, che hai divorato con ingordigia ogni sua parola vissuta, ti ritrovi dentro alla sua Favola in bianco e nero.

E capisci qual è la tua.

Mad World by me
Mad World by me

Oscura. Tenebrosa.

Forse anche di più.

Milioni e milioni di persone.

Affollano. Saturano. Angosciano ogni ettaro intorno a te.

Milioni e milioni di persone si incontrano, scontrano.

In corse furiose.

In tutto.

Per tutto.

Ogni giorno.

Per andare dove?

Lottano. Soffrono. Gioiscono.

Minacciano. Uccidono. Festeggiano.

In nome di cosa?

Lacrime dolci e amare.

Ha senso tutta questa sofferenza?

Bianco e nero, rosso e blu, Yin e Yang.

Non fanno forse parte della stessa medaglia?

E allora ti guardi dentro.

Ti fermi e rifletti.

Osservi.

Vai oltre i limiti della realtà condivisa.

E comprendi esattamente cosa vuoi.

Lo hai sempre saputo.

Dovevi solo guardati dentro.

E allora, smetti di sorridere, gli spari sopra sono per voi.

Mad World by Mellon
Mad World by Mellon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...